“La casa delle luci” – Donato Carrisi, ed. Longanesi

Un velo sottile è quello che separa il mondo dei vivi da quello dei morti. Qualcuno, a volte, lo attraversa per riportare indietro con sé qualcosa di estraneo alla nostra realtà. Altre volte, si tratta solo di suggestione, magari provocata dai racconti di una bambina che sembra sapere troppe cose di noi. Allora, il passato torna a galla e ci travolge, lasciandoci destabilizzati e togliendoci la fiducia verso tutti coloro che conosciamo.

“La casa delle luci” ci riporta nella Firenze di Pietro Gerber, l’addormentabambini, tra oscuri presagi e spaventose sparizioni del passato.
La storia dell’amichetto d’infanzia Zeno si unisce a quella di Eva, una bambina rinchiusa in casa, incapace di scappare da sé stessa. Nella mentre di Gerber si fa strada un enigma da decifrare, per scoprire cos’è accaduto a Zeno, 25 anni prima, quando è scomparso misteriosamente da Porto Ercole, durante un gioco con gli amici.

Il nuovo romanzo di Carrisi va letto tutto d’un fiato (come sempre, d’altronde), sotto le coperte, con la pelle d’oca ad ogni riga.

L’ennesimo capolavoro del maestro del thriller italiano, che ci tiene incollati dalla prima all’ultima pagina. Arimo.

Da leggere.
Fiocchi: 5/5 🎀🎀🎀🎀🎀

“La ragazza invisibile” – Lisa Jewell, ed Neri Pozza

Uno dei libri più belli letti nell’ultimo periodo. Un misto tra romanzo, thriller psicologico e racconto del mistero, in cui il colpevole può essere chiunque e nessuno al tempo stesso. Una lunga escalation alla scoperta della psiche fragile dei diversi personaggi, narrata dai punti di vista di Saffyre, una diciassettenne dal passato difficile, Owen, un professore single dai profondi traumi e Cate, madre e moglie infelice. Saffyer, il vero fulcro del racconto, scompare, lasciando dietro di sé una scia di sospetti, accuse, vulnerabilità.

Il racconto è incalzante e difficile da lasciare in sospeso. E’ uno di quei libri per cui va sfruttato ogni minuto. Ma sì, dai, ho ancora tempo, leggo un altro capitolo. Insomma, non ci si stacca facilmente dalle sue pagine e, anche una volta concluso, la storia così profonda dei protagonisti ti resta dentro. A certi tratti toccante, è un romanzo che fa della caratterizzazione dei personaggi un punto di forza: sono diversi e nella loro diversità compongono, riga dopo riga, una trama incalzante e particolare. Argomenti difficili come l’autolesionismo, i disturbi psicologici e la violenza sulle donne sono trattati con lucidità e sensibilità, tanto da risultare estremamente verosimili all’occhio del lettore.


Una storia dinamica, mai ridondante, che cattura fino al finale, particolarmente ben riuscito.
Davvero da leggere.

Fiocchi: 5/5 🎀🎀🎀🎀🎀

“L’altra gemella” – Carole Johnstone

La cupa Edimburgo ospita un thriller psicologico tra i meglio riusciti dell’ultimo periodo, che unisce la suspense della ricerca spasmodica della verità a tratti romanzeschi che donano speranza.

La storia è quella di due gemelle omozigote, allontanatesi da anni. 

Alla scomparsa di El, la maggiore delle due, Cat si ritrova immersa in una caccia al tesoro meschina e crudele, che la porta a rivivere gli anni dell’infanzia per far tornare a galla tutto ciò che la sua fantasia di bambina aveva rimosso. Torna così nella casa in cui viveva insieme al nonno, alla mamma e alla sorella.

Una grande casa, in cui ogni stanza veniva trasformata in una favola oscura: la camera di Barbablù, la Sala del Trono, il Clown Café… e Mirrorland. Un mondo parallelo, sicuro, nascosto, in cui trovare la salvezza su una nave dei pirati.

Un romanzo che cattura dalle prime pagine, appassionando e inquietando, senza mai smettere di sorprendere.
Bellissimo.

Fiocchi: 5/5 🎀 🎀 🎀 🎀 🎀

“Scegli me” – Tess Gerritsen e Gary Braver,

Torna il mistero per Longanesi, con un romanzo tra il poliziesco e il thriller. Taryn Moore, fulcro del racconto, viene trovata senza vita sotto alla finestra di casa sua. Una morte inspiegabile per una ragazza di poco più di vent’anni, che dà il via ad un’indagine e un’introspezione per la detective della Omicidi Franke Loomis.


Un femminicidio che nasce da una catena di amori malati, sbagliati, surreali.


Un romanzo che cattura dalla prima pagina, facendo odiare e amare i personaggi e le loro stesse debolezze, fino all’ultima pagina.
Consigliato.

Fiocchi: 4/5 🎀🎀🎀🎀

“Il tribunale delle anime” – Donato Carrisi

Mamma mia. Non ci sono parole per esprimere l’intrigante complessità di questo thriller. Personaggi e storie che si intrecciano, luoghi affascinanti e spaventosi allo stesso tempo, passato e presente, uomini e volti che si fondono.


Un romanzo magistralmente scritto, che cattura fin dalle prime righe e porta fin da subito all’interno di una favola oscura dove il bene e il male non sono altro che due lati di una stessa medaglia.

I personaggi sono studiati alla perfezione, estremamente verosimili, terribilmente umani. La ricerca di una persona scomparsa si unisce alla ricerca della verità nella morte di un giovane fotoreporter. E il finale è sconvolgente.


Un romanzo inquietante, che tiene sul filo del rasoio ad ogni capitolo, che ti fa amare e odiare i personaggi allo stesso tempo, senza mai farti comprendere chi sia davvero il cattivo. Forse siamo tutti divisi a metà, tra il buio e la luce.
Bellissimo.


Fiocchi: 5/5🎀🎀🎀🎀🎀