“Una piccola pace” – Mattia Signorini, ed. Feltrinelli

Un romanzo delicatamente intenso, una scrittura dolcemente musicale, un racconto d’altri tempi che torna più che mai attuale.

Con garbo e rispetto, Mattia Signorini ci racconta di William Turner, fuciliere inglese scomparso dalle pagine di storia, del suo percorso si formazione e di come, grazie a qualche istante di coraggio, sia nata la “tregua di Natale” del 1914.

“Una piccola pace” è un romanzo che parla di guerra, sì, ma soprattutto di voglia di vivere, di avere più tempo, di tornare liberi, di uscire dal fango delle trincee e sentirsi di nuovo ragazzi.
L’umanità è il fulcro di questo libro e si declina attraverso le storie, reali, dei soldati della Prima Grande Guerra.
Il lavoro di minuziosa ricerca compiuto da Mattia si unisce alla sua innata abilità nel raccontare i sentimenti umani,  rendendo questo romanzo un esempio perfetto di come tutti noi, nel nostro piccolo, possiamo cambiare il mondo. Anche solo per qualche istante.

È stato un onore e un immenso piacere chiacchierare con Mattia Signorini. La sua sensibilità traspare in ogni parola, dal vivo come attraverso i suoi scritti. Grazie a Libreria Gregoriana Estense e ad Antonio Zaglia che mi hanno permesso anche questa volta di raccontare un romanzo che merita tanto. Grazie a Luca Settimo che con gentilezza mi ha accompagnata in questa esperienza.

Un libro ideale da regalare proprio a Natale, per ricordarci di non sprecare nemmeno un istante.

Fiocchi: 5/5 🎀 🎀 🎀 🎀 🎀

“La bambina nei muri” – A.J. Gnuse – ed. HarperCollins

Un romanzo contraddistinto da una delicatezza emozionante. La storia di Elise, rimasta orfana, che si rifugia, come un fantasma, tra i muri della vecchia casa in cui abitava da piccina. Un ectoplasma che resta silenzioso, nascosto tra le travi della soffitta, tra le condutture, nei ripostigli: Elise esce solo quando in casa non c’è nessuno, per nutrirsi senza dare troppo nell’occhio.

Finché Eddie e Marshall, i due fratellini che vivono nella vecchia casa, non si accorgono di qualche rumore sospetto…

Una storia di amicizia a distanza, di solitudine, sofferenza ed estrema voglia di vivere trattata con molta dolcezza dall’autore, che rende Elise un personaggio al quale è impossibile non affezionarsi.

Una scrittura fluida e molto piacevole, che rende il romanzo uno di quelli da cui non si riesce a staccarsi.
Per qualcuno manca il colpo di scena finale: per me, è una storia perfetta già così, nella sua semplicità, come nella mente di una bambina di 10 anni.
Da leggere.

Fiocchi: 5/5 🎀 🎀 🎀 🎀 🎀

“La ragazza invisibile” – Lisa Jewell, ed Neri Pozza

Uno dei libri più belli letti nell’ultimo periodo. Un misto tra romanzo, thriller psicologico e racconto del mistero, in cui il colpevole può essere chiunque e nessuno al tempo stesso. Una lunga escalation alla scoperta della psiche fragile dei diversi personaggi, narrata dai punti di vista di Saffyre, una diciassettenne dal passato difficile, Owen, un professore single dai profondi traumi e Cate, madre e moglie infelice. Saffyer, il vero fulcro del racconto, scompare, lasciando dietro di sé una scia di sospetti, accuse, vulnerabilità.

Il racconto è incalzante e difficile da lasciare in sospeso. E’ uno di quei libri per cui va sfruttato ogni minuto. Ma sì, dai, ho ancora tempo, leggo un altro capitolo. Insomma, non ci si stacca facilmente dalle sue pagine e, anche una volta concluso, la storia così profonda dei protagonisti ti resta dentro. A certi tratti toccante, è un romanzo che fa della caratterizzazione dei personaggi un punto di forza: sono diversi e nella loro diversità compongono, riga dopo riga, una trama incalzante e particolare. Argomenti difficili come l’autolesionismo, i disturbi psicologici e la violenza sulle donne sono trattati con lucidità e sensibilità, tanto da risultare estremamente verosimili all’occhio del lettore.


Una storia dinamica, mai ridondante, che cattura fino al finale, particolarmente ben riuscito.
Davvero da leggere.

Fiocchi: 5/5 🎀🎀🎀🎀🎀

“Mrs March. La moglie dello scrittore” – Virginia Feito, ed. Harper Collins

Meraviglioso in modo geniale.
Mrs March è una moderna Mrs Dalloway, indaffarata a inseguire la perfezione di una vita mondana, tra party con l’alta società newyorkese e lunghe passeggiate in città.

È la moglie destinata a vivere nell’ombra del marito, lo scrittore del momento. È la madre amorevole ma assente, la vicina di casa peculiare e riservata, la padrona educata ma mai d’aiuto, la figlia non voluta, la sorella sempre imperfetta, ma più di ogni altra cosa è una donna senza nome.

Mrs March è tutto questo: un concentrato di energia incapace di esprimersi, che implode davanti al giudizio degli altri.

Quando un conoscente dice a Mrs March di trovarla molto simile a Johanna, la protagonista dell’ultimo romanzo di George March, ecco che le cose cambiano. Nella fragile mente della protagonista, triggerata dall’idea di essere stata d’ispirazione per il marito, si insinuano come scarafaggi sospetti terribili nei confronti del marito, talmente intensi da portare la psiche di Mrs March a frantumarsi zempre di più ad ogni pagina. Il finale, poi, lascia a bocca aperta.

Un piccolo capolavoro.
Pare che diventerà presto un film.

Fiocchi: 5/5 🎀 🎀 🎀 🎀 🎀

“I dodici segreti” – Robert Gold, ed. Longanesi

Un mistero da risolvere, dodici diversi segreti da svelare e, come recita il sottotitolo, un finale impossibile da indovinare fino alle ultimissime pagine. Questo romanzo, a metà tra il giallo e il thriller, cattura fin dalle prime righe, trasportando il lettore in un’indagine attraverso gli anni e le storie personali dei personaggi, attraverso il racconto serrato di Ben Harper, il protaginista, giornalista che si trova a fare i conti ancora una volta con la sua difficile vita familiare.

Omicidi, sospetti suicidi, nuove identità e figli illegittimi si intrecciano in un racconto disturbante, seppur fluido, che sorprende fino all’ultima riga. Molto bello. Si lascia divorare.

Fiocchi 4/5 🎀 🎀 🎀 🎀