“Gli scellerati” – Frederic Dard

Un noir di Dard non può non essere un gioiellino della letteratura. Leggero e scorrevole all’apparenza, lascia con il fiato sospeso fino all’ultima parola. Perfetto per una pausa leggera ma accattivante tra due romanzi più impegnativi.


In un piccolo sobborgo parigino, Luise rimane incantata da una villa e dai suoi abitanti, emblema del fascino dell’America degli anni 50.

La giovane protagonista si candida come cameriera della coppia di proprietari, sognando un’esistenza ben distante da quella tra fabbrica e povertà a cui era abituata. Ma non è tutto come sembra…


Lineare, trasparente, raccontato con maestria: sorprendente nel finale. Da non sottovalutare.

Fiocchi 4/5 🎀🎀🎀🎀

“Il montacarichi” – Frederic Dard

Un gioiellino, una scoperta. Non conoscevo Dard e mi sono imbattuta in questo suo noir per puro caso. Un romanzo breve dal sapore d’altri tempi, che si svolge nella Parigi degli anni ’60 e che tiene incollati dall’inizio alla fine.

La scrittura è magnetica, la vicenda assurda eppure verosimile, il protagonista tremendamente umano. Il racconto di un colpo di fulmine che diventa un crimine si svolge nell’arco di poche ore, nella notte di Natale più cupa di sempre.


La trama è semplice, con pochi personaggi, studiati a puntino. Si sviluppa in sole 150 pagine, eppure non tralascia nemmeno un dettaglio, sfociando in uno spleen tutto parigino.


Bellissimo, una scoperta.

Fiocchi: 5/5 🎀🎀🎀🎀🎀