“Adesso che sei qui” – Mariapia Veladiano

Delicato, pieno di dolcezza. Una scrittura elegante e intensa, che cattura dalla prima all’ultima pagina, in questa storia di vita e di malattia estremamente verosimile.

La storia è quella di Andreina, nipote/figlia di zia Camilla, negli anni passati ad assisterla durante la malattia di Alzheimer. Una storia semplice, che fa della sua semplicità così comune un punto di forza. La malattia diventa un modo per riscoprirsi, per amare più intensamente, per riuscire a ritrovare la bellezza delle piccole cose e dei momenti passati insieme. Passato e futuro si uniscono a un presente alla continua riscoperta di sé e del mondo.

Che bel personaggio, questa zia Camilla, che non perde la sua forza interiore nemmeno davanti alla malattia!


Mariapia Veladiano sorprende e resta nel cuore, non solo per la capacità di portare allegria in una storia all’apparenza così difficile, ma anche per la maestria nell’affrontare temi e problemi ai quali, nel quotidiano non si pensa.


Il rapporto con la famiglia, l’assistenza necessaria, gli Istituti per anziani, ma anche le “case-scatoletta” in cui viviamo, la memoria è tutto ciò che non viene perduto, così come la poca consapevolezza e conoscenza riguardo alle malattie senili (e non solo) come questa.


Ho avuto il piacere anche di ascoltare la Veladiano dal vivo, durante l’ultima serata de “Il libro immaginato”. Una persona di grande spessore e gentilezza, che ho sinceramente apprezzato. Una bellissima scoperta!

Fiocchi: 5/5 🎀🎀🎀🎀🎀