“Un té a Chaverton House” – Alessia Gazzola

Una storia nata per caso, per allietare la pandemia, che si trasforma in un romanzo semplice ma perfetto per una lieta lettura.


L’atmosfera british e cottagecore si unisce allo spirito ironico di Angelica, la protagonista, che, indagando sul passato della sua famiglia, si ritrova immersa nella campagna inglese.

Dalla Milano caotica e piena di insuccessi, Chaverton House spunta come un’ancora di salvezza. Un po’ come il cottage Kate Winslet in “L’amore non va in vacanza” o come casa Downton di Downton Abbey.

Non ci si può non innamorare di Chaverton House. Tra cinguettii di uccellini, té serviti ad ogni ora e un’imponente magione, Angelica riscoprirà sé stessa e ciò che ama.
Bello, perfetto per una lettura in vacanza, sotto l’ombrellone o stesi su un prato. Se poi amate le atmosfere della campagna inglese, vi piacerà moltissimo.


Senza troppe pretese, decisamente il romanzo dell’estate.

Fiocchi: 5/5 🎀 🎀 🎀 🎀 🎀

“Il gioco della devozione” – S.R. Masters

Eravamo cinque amici al bar, si potrebbe dire. Adeline, la protagonista del racconto, ritrova dopo quindici anni i suoi amici di infanzia, nella piccola cittadina di Blythe, ripercorrendo le tappe di un passato che per troppo tempo era stati cancellato.


Da ragazzi, infatti, avevano inventato il pericoloso “gioco della devozione”, per girarsi amicizia eterna. Eppure Will, il più problematico del gruppo, durante una delle tappe del gioco, confessa che avrebbe voluto uccidere tre persone, da grande. Uno scherzo tra ragazzi, a distanza di quindici anni, sembra trasformarsi in realtà,  ma il finale sarà sorprendente.


Non il miglior thriller di sempre, ma un romanzo spiazzante e accattivante, anche se a mio avviso non perfettamente riuscito.


Consigliato, comunque. È una piacevole lettura, perfetta per le calde serate estive, non troppo impegnativa.

Fiocchi 3/5 🎀🎀🎀